I Terpeni sono una grande classe di composti organici presenti in natura

sono noti anche come  isopreni, sono i principali costituenti della resina vegetale e degli oli essenziali estratti dalle piante.

Tali composti interagiscono insieme per creare nella cannabis gli aromi ed i sapori unici per i quali la conosciamo.

I terpeni della Cannabis più comuni sono:

Borneolo  Si trova anche in cannella e assenzio, può essere facilmente convertito in mentolo. È considerato un sedativo calmante dalla medicina cinese ed è consigliato per la stanchezza, il recupero dalla malattia, lo stress e come repellente per insetti.

Beta-cariofillene  si trova anche nell’olio essenziale di pepe nero, chiodi di garofano e origano, presenta un effetto gastro-protettivo consigliabile per il trattamento delle ulcere. Offre interessanti sviluppi terapeutici per malattie infiammatorie, mal di denti e disturbi autoimmuni dato che si lega direttamente al recettore cannabinoide CB2.

Eucaliptolo  si trova anche in rosmarino ed eucalipto, dal sapore piccante e dall’aroma che ricorda la canfora e la menta, viene utilizzato per aumentare la circolazione sanguigna, alleviare il dolore e come repellente per insetti.

Delta-3-carene  Costituisce uno dei componenti della trementina, presenta un odore dolce e pungente di bosco. Trovato anche in rosmarino, pino e resina di cedro, viene utilizzato in aromaterapia per asciugare i liquidi in eccesso e contribuisce alla tipica secchezza di occhi e bocca sperimentata dai consumatori di cannabis.

Limonene  Tipico degli agrumi, è ritenuto essere un anti-cancerogeno, anti-batterico, anti-fungino e anti-depressivo. Penetrando rapidamente nelle membrane cellulari promuove l’assorbimento di altri terpeni. Può portare ad un aumento della pressione arteriosa e inoltre, essendo ritenuto disgustoso dai predatori, ricopre un effetto protettore per la pianta.

Linalolo  Dal tipico odore floreale, possiede proprietà sedative e anti-ansiolitiche.

Mircene  Tra i più tipici della Cannabis, viene trovato anche nei chiodi di garofano, verbana, citronella e mircia, da cui prende il nome. È uno dei più importanti composti chimici utilizzati nell’industria dei profumi e possiede diverse proprietà biologiche tra cui anti-microbico, antisettico, analgesico, antiossidante, anti-cancerogeno, anti depressivo, anti-infiammatorio e muscolo-rilassante. Influisce inoltre sulla permeabilità delle membrane cellulari, permettendo al THC di raggiungere più velocemente le cellule cerebrali.

Pinene  L’alfa-pinene è tipico di aghi di pino e rosmarino mentre il beta-pinene di prezzemolo, rosmarino e basilico. È il componente principale della trementina e si trova in molti oli essenziali. È ritenuto capace di aumentare la concentrazione e l’energia mentale oltre ad essere un antisettico. Può inoltre contrastare l’attività del THC, essendo un inibitore della acetilcolinesterasi, ovvero blocca la distruzione dell’acetilcolina che verrebbe utilizzata dal cervello per memorizzare, riattivando così la memoria.

Pulegone  Tipico di menta, canfora e rosmarino, si trova in piccole quantità anche nella Cannabis. Come il pinene, veniva utilizzati nell’antica medicina per curare la memoria.

Sabinene si Trova nella quercia, nell’olio dell’albero del tè e nel pepe nero.

Terpineolo Dall’odore floreale e fruttato, è un costituente minore di molti oli essenziali vegetali e viene utilizzato principalmente per profumare.

(Tratto da una articolo di dolcevitaonline)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.